Caricamento Eventi

« All Eventi

Ballarò a Scuola di Musical: laboratori di canto, musica d’insieme, teatro, danza, scenografia (età 9 – 15)

novembre 6 ore 8:00 - 17:00

DSCF1065

Allontanare dalla strada i ragazzi e i ragazzini di età compresa tra 9 e 16 anni del quartiere di Ballarò e dell’Albergheria, dando loro un’opportunità per conoscere meglio se stessi e migliorare la relazione con gli altri attraverso la pratica di un genere artistico che comprende più espressioni e linguaggi contemporaneamente: il Musical è il mezzo attraverso cui i ragazzi si approccieranno al linguaggio musicale, corporeo, teatrale, scenografico, della scrittura e composizione di testi, e di tanto altro ancora. I contenuti, le musiche e tutto il resto tendono ad uno sviluppo globale della persona. Il tentativo sarà quello di accompagnare i ragazzi in modo ludico e al tempo stesso approfondito verso la comprensione di problematiche che riguardano i ragazzi stessi: bullismo e cyberbullismo, uso dei social, uso di sostanze stupefacenti, violenza di genere, legalità, cittadinanza attivadiversabilità, ambiente e territorio, legalità.

DSCF1065

Il genere Musical ha da sempre soprattutto in America e Inghilterra trattato argomenti di grande attualità con al tempo stesso leggerezza e profondità. Non esistendo in Italia una formazione che metta le diverse espressioni artistiche sullo stesso piano, concependole in modo unitario, i laboratori intendono proporsi ai giovani residenti in zone a rischio della città, frequentanti la scuola dell’obbligo e i primi anni delle scuole superiori, come un momento di riflessione e partecipazione attiva alle problematiche del territorio, nel tentativo di allontanarli da cattive frequentazioni, appassionarli all’essere autentici e a scegliere ciò che è meglio per sé e per la propria vita futura. Attraverso la conoscenza e la visione di film quali West side story, Jesus Christ, Rent, che trattano argomenti di grande attualità, i ragazzi conosceranno così anche opere famose e meno conosciute, tra musica, teatro e arti varie, senza escludere la possibilità di comporre nuove piccole opere. La composizione di opere nuove mira a dare ascolto ai bisogni dei ragazzi e a farli esprimere; far fare le loro considerazioni su temi personali e/o sociali a loro cari. I laboratori infatti puntano più sul processo che sulla realizzazione del prodotto, in quanto è importante creare attraverso la mediazione dei linguaggi artistici, un modo di relazionare autentico e basato sul rispetto di regole e persone intorno a sé.

OBIETTIVI

Attraverso il linguaggio Musical articolato in più arti espressive, gli obiettivi spaziano dalla conoscenza di sé, alla relazione con gli altri e all’affettività, fino ad obiettivi di tipo sociale, tra legalità e rispetto dell’ambiente e del territorio. In particolare:

Educativi

  • Fornire occasioni per capire se stessi e prendere coscienza delle proprie potenzialità;
  • Migliorare la conoscenza di sé negli aspetti corporei, emozionali e comportamentali anche in rapporto agli altri
  • Promuovere consapevolezza interiore ed esteriore e senso di responsabilità nei rapporti interpersonali;
  • Incoraggiare l’apprendimento collaborativo per far capire che i problemi possono essere affrontati e risolti con il contributo di tutti;
  • Favorire l’arricchimento di un bagaglio espressivo e comunicativo per superare situazioni di difficoltà o di disagio;
  • Favorire l’autocontrollo e l’affiatamento con compagni e conduttori di laboratori
  • Educarsi alle scelte autonome e che guardano al proprio benessere psicofisico presente e futuro
  • Favorire l’apprendimento e la crescita culturale individuale attraverso l’esplorazione di opere note e meno note
  • Maturare le capacità di autonomia, intesa come capacità orientativa e auto valutativa
  • Favorire la socializzazione nel rispetto reciproco, potenziando gli aspetti emotivo­ relazionali
  • Far  acquisire maggiore senso di responsabilità e autocontrollo
  • Suscitare il bisogno di valere e di meritarsi il meglio per sé
  • Allargare idee ed esperienze, stimolando nei partecipanti modi nuovi di pensare e vivere e scardinando schemi di pensiero limitanti e restrittivi verso sé e gli altri
  • Sviluppare potenzialità creative, gusto estetico, spirito critico e capacità espressive e logiche
  • Educare  al teatro, al canto, alla  danza, alla messa in scena  fornendo capacità  di lettura di tali arti  mediante  la  conoscenza e l’utilizzo dei vari strumenti, linguaggi e tecniche
  • Acquisire la  padronanza di un linguaggio più  chiaro e  preciso  oltre  che  di un portamento più  sicuro ed elegante
  • Potenziare la memoria
  • Sviluppare la spontaneità e al tempo stesso la capacità di gestione del proprio modo di esprimersi in base a contesti, ruoli e persone

 Musicali

  • Usare al meglio e in modo espressivo la voce parlata e cantata, singolarmente e in gruppo senza prevaricare o subire gli altri
  • Sviluppare capacità ritmiche e melodiche di tipo vocale e/o strumentale
  • Sviluppare la capacità d’ascolto musicale per migliorare l’ascolto di sé e degli altri
  • Sviluppare capacità improvvisative e compositive per “usare e far sentire la propria voce interiore ed esteriore”

Teatrali

  • Imparare a gestire lo spazio vitale proprio e degli altri adeguandosi allo spazio scenico
  • Usare la voce come espressione di stati emotivi, sperimentando il proprio sentire corporeo e interiore
  • Migliorare le capacità di lettura espressiva e di composizione di testi scritti riguardanti aspetti personali e sociali
  • Sviluppare capacità d’inventiva e di riflessione su problemi e temi messi in scena

Danza

  • Sviluppare capacità espressivo-comunicative attraverso il corpo
  • Rispettare le regole dello spazio come regole di vita
  • Imparare a gestire la gestualità e la corporeità come espressione di agio/disagio
  • Elaborare modalità efficaci di comunicazione per la costruzione di coreografie

Arte scenica

  • Sviluppare capacità manuali, artistiche e tecniche
  • Scaricare emozioni attraverso la manipolazione di materiali
  • Costruire scene e oggetti di scena per scegliere e diventare protagonisti del proprio agire
  • Confrontarsi con gli altri in atteggiamento cooperativo per una produzione comune e condivisa di oggetti e scene

ATTIVITA’ E METODOLOGIE

I laboratori saranno articolati nelle seguenti attività: produzione individuale o di gruppo di volantini promozionali dell’evento; lettura e animazione del copione; prove corali e individuali dei brani musicali preventivamente scelti su tematiche da cui partire per le riflessioni; studio e lavoro corporeo per la scelta delle coreografie; rappresentazione di emozioni attraverso l’uso del linguaggio musicale e corporeo; realizzazione delle scenografie e degli oggetti di scena relativi alla rappresentazione.

Le metodologie privilegiate saranno l’insegnamento/apprendimento di life skills in gruppi di lavoro (cooperative learning), il lavoro per progetti (projet work) apprendimento separato delle parti e prove d’insieme.

L’obiettivo di ogni laboratorio sarà quello di comporre: testi, musiche, scene e situazioni teatrali attraverso l’improvvisazione  guidata a  partire da un testo o da un tema da trattare, che diverranno solo dopo materia meglio organizzata per l’eventuale spettacolo finale e in cui tutti gli aspetti, dai  dettagli scenografici a  quelli musicali, dalla stesura  drammaturgica  all’interpretazione  del  personaggio, dalla scelta di passi e coreografie, verranno studiati e affrontati  dagli allievi. Tutti gli esercizi saranno proposti nella forma del gioco collettivo per garantire un approccio sereno  al teatro e al musical e rispettoso delle  singole peculiarità.  Le tecniche utilizzate saranno finalizzate ad un lavoro  di tipo sensoriale che svilupperà la capacità di ascolto di sé e dell’ambiente circostante attraverso i cinque sensi: esercizi di conoscenza, di osservazione (su sé, gli altri, lo spazio) e  di attenzione;  esercizi di appropriazione dello spazio (fisico ed immaginato); esercizi espressivi (il corpo, il gesto, il movimento); esercizi vocali (il respiro, lo strumento voce, il ritmo); esercizi di stesura  drammaturgica; esercizi di composizione musicale. Il prodotto finale potrebbe rappresentare la fiaba di Pinocchio, personaggio dalle mille sfaccettature, rivisitato in chiave moderna e col supporto delle musiche di E. Bennato dall’album Burattino senza fili degli anni ‘70, che tratta tematiche attuali ancora oggi.

MONITORAGGIO IN ITINERE E VERIFICA FINALE

Il monitoraggio sarà svolto con l’osservazione delle dinamiche relazionali e comportamentali dei ragazzi durante le attività valutando cosi gli obiettivi raggiunti. La verifica finale sarà l’eventuale spettacolo da presentare a tutta la comunità, alle famiglie e al territorio, la eventuale produzione di un DVD dello spettacolo stesso e del backstage, le condivisioni dei ragazzi sul lavoro svolto come autovalutazione.

RISORSE UMANE

I conduttori di laboratorio coinvolti sfrutteranno i momenti d’insieme come occasioni per la riflessione sui temi e i piccoli e grandi interrogativi cui ogni essere umano cerca risposta soprattutto in età giovanile; dalla proposta di stimoli per far emergere, riconoscere, la propria natura umana, prima che gli “idoli del mondo” ne devino il corso; alla vera e propria pratica teatrale sul musical come strumento per esprimere soprattutto se stessi e rappresentare simulandola la relazione con gli altri.

ARTICOLAZIONE

I laboratori sono concepiti in un unico livello di base che va dal mese di Novembre 2017 e fino al mese di Maggio 2018. Una selezione fatta nelle scuole coinvolte nel progetto, consentirà ai ragazzi di accedere su base di attitudini e preferenze ai diversi laboratori: musica d’insieme strumentale, canto/coro, teatro/scenografia, danza. Il numero totale dei partecipanti per questo anno scolastico è di 20 ragazzi. Il progetto si svolgerà presso i locali del Teatro di S. Nicolò all’albergheria a Ballarò e nei locali annessi alla chiesa. In caso di numero superiore a 20 partecipanti in totale tra tutti i laboratori, quelli di musica d’insieme potrebbero essere differenziati per strumento (chitarra, batteria, tastiere, fiati). La frequenza sarà di h.1,15 settimanale per ogni laboratorio, per un totale di 100 ore annuali circa, divise in laboratori di: 1. danza, 2. recitazione/scenografia, 3. canto/coro, 4. musica d’insieme. I laboratori si svolgeranno presso la sede di S. Nicolò all’Albergheria a Ballarò e presso il teatro annesso per dar modo ai ragazzi provenienti da varie zone limitrofe a Ballarò di partecipare. La realizzazione di una performance finale è vincolata alla riuscita del lavoro svolto durante i corsi. I laboratori saranno tenuti da operatori specializzati e condotti su base volontaria. La ricerca di fondi per finanziare il progetto è comunque sempre perseguita per avere la possibilità di sostenere in modo più efficace riguardo a materiali, strumenti musicali e altro necessario alla riuscita del progetto.

PIANO FINANZIARIO

Il progetto prevede la richiesta di finanziamenti pubblici pur partendo dal novembre 2017 in forma di volontariato.

Organizzatore

Il Giardino delle Idee
Telefono:
3402279496
Email:
Sito web:
www.ilgiardinodelleidee.eu

Luogo

Teatro di S. Nicolò all’albergheria
Palermo 90134 Italia + Google Map:
Telefono:
3402279496
Sito web:
www.ilgiardinodelleidee.eu